MUSEO AVVENTISTA
DELLA BIBBIA

 

Il Museo della Bibbia nasce nel 2021 nell’ambito della Biblioteca Avventista di Trieste. Si tratta di un museo privato ma aperto gratuitamente e liberamente al pubblico, in continua espansione grazie a donazioni ed acquisti. Lo scopo del Museo è raccogliere, restaurare, conservare ed esporre versioni della Bibbia in ogni lingua. La sfida è notevole e per noi costituisce un orizzonte ancora in gran parte da esplorare. Allo stato attuale la nostra collezione è piuttosto modesta e comprende traduzioni in 64 lingue (su oltre 700 in cui la Bibbia è tradotta integralmente ed oltre 1.600 traduzioni parziali, secondo i dati 2020 del Wycliffe Bible Translators e dell’American Bible Society USA). Di alcune lingue disponiamo anche di edizioni, formati e supporti differenti. Inoltre, il Museo organizza eventi di dialogo ed approfondimento biblico-teologico finalizzati a contribuire alla conoscenza ed alla familiarizzazione con il testo biblico e con il suo mondo.

La Bibbia è stata il primo libro ad essere stampato (la versione tedesca pubblicata da Gutenberg) ed è il libro maggiormente diffuso al mondo; miliardi di persone sono raggiunte da questo testo sacro e sono da esso cambiate. Oggi, l’accesso al testo biblico è disponibile in formati sempre più agevoli rispetto al passato e ciò ne permette una diffusione più ampia. Il Museo è una vetrina pubblica su un libro che ha notevolmente inciso sulla cultura, sulla spiritualità e sulla civilizzazione mondiale estendendo la propria influenza in varie discipline artistiche quali scultura, pittura, letteratura, architettura, musica, cinema, eccetera. E’ noto che molti geni del passato si sono ispirati alla Bibbia per i loro capolavori. L’istruzione, quindi, passa inevitabilmente anche attraverso un minimo di familiarità con eventi e personaggi contenuti in questo libro.

Tradizioni religiose, diverse dal cristianesimo, hanno ripreso ed integrato nel loro sistema di fede alcuni eventi ed insegnamenti della Bibbia, molti maestri di altre fedi mondiali riconoscono ed ammirano alcuni personaggi ed aspetti della fede biblica ed in particolare sono apprezzati la figura e gli insegnamenti di Gesù di Nazareth. Il mondo dell’etica e del diritto ha trovato nella Bibbia un importante retroterra, un fondamento sul quale poggiarsi e da cui sviluppare sistemi più elaborati e commisurati alle esigenze dei rispettivi ambiti di competenza. La Bibbia, quindi, ci permette non solo di essere educati verso valori e principi universalmente riconosciuti, ma anche di provare a rileggere la contemporaneità e gli eventi attuali in una luce diversa, per alcuni versi più profonda ed essenziale.

La raccolta di Bibbie nelle diverse lingue, oltre alla funzione documentaria, ha quindi per il Museo un alto valore simbolico-significativo, che ne coglie un aspetto antropologico decisivo: ogni essere umano può sentirsi rappresentato, interpellato e coinvolto dal testo biblico potendovi accedere direttamente con il proprio patrimonio linguistico-culturale. Da questa prospettiva la Bibbia potrebbe costituire un punto di mediazione culturale e un importante crocevia per l’integrazione tra i popoli. Questo vale in maniera tutta particolare per una città di confine come Trieste, città poliedrica, ricca nella sua diversità culturale, etnica, religiosa, vivace nel mondo della ricerca scientifica universitaria, aperta ed accogliente alla pluralità ed importante via di comunicazione verso altre nazioni europee. Riteniamo dunque che valga la pena, anzi sia doveroso riservare uno spazio all’esposizione pubblica di un libro che in un modo o nell’altro e su diversi fronti ci concerne tutti. La si può accettare o rifiutare ma difficilmente può lasciare indifferenti. Il confronto con essa provoca comunque una risposta. La Bibbia è un libro che appartiene all’umanità, e ad essa lo si vuole restituire. Ragion per cui, tutte le iniziative occasionali di forum, festival o mostre itineranti della Bibbia promosse dalla Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno o da altre chiese o enti, non possono che essere le benvenute e costituiscono eventi positivi da sostenere ed incoraggiare.

L’ingresso al Museo Avventista della Bibbia è libero e gratuito ed avviene tramite la biblioteca, rispetta quindi le sue aperture ed il suo organigramma. Dispone di due sale di consultazione ed un auditorium. L’accesso all’area di conservazione delle Bibbie si svolge con la guida di un responsabile del Museo.

Il Museo opera in piena sinergia con l’Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del Settimo Giorno (Roma) e collabora con la Facoltà Avventista di Teologia e le Edizioni AdV (Firenze).

 

Museo Avventista della Bibbia
Via A. Rigutti, 1 – 34138 Trieste (TS)
Tel. 040 2034736
trieste.chiesaavventista.it/museobibbia
trieste.museobibbia@avventista.it

Giorni ed orari di apertura: mar. 09.00-13.00; sab. 12.00-17.00; dom. 09.00-12.00

Direttore: Dott. Michele Gaudio

Statuto e Regolamento Museo della Bibbia

Volantino Biblioteca e Museo della Bibbia

Elenco lingue disponibili